03 lug 2013

Flare - L’engine open source capace di clonare Diablo!

flare
Una delle più gratificanti esperienze del gaming su PC è sicuramente la possibilità di moddare i propri giochi preferiti grazie all’utilizzo di programmi open source, resi tali dagli sviluppatori in modo da poter permettere ai propri utenti di dar sfogo alla loro fantasia creando da sé mappe, oggetti, personaggi, missioni o nemici. Questo è anche l’intento di Flare, progetto indie ambizioso pronto a diventare il punto di riferimento per tutti i nostalgici dei primi episodi di Diablo. Flare è un engine totalmente gratuito e open source dedicato all’emulazione di giochi hack and slash in 2D.
FlareFlare
Il Flare Dev Team ha lavorato duramente in questi anni per garantire un programma stabile e vicino alle tante esigenze del pubblico. Flare permette di caricare le MOD direttamente dalle opzioni di gioco, le quali sono davvero abbondanti e spaziano dalla possibilità di cambiare risoluzione a quella di modificare la lingua (includendo l’italiano). Per quanto riguarda il coding del programma il tutto si svolge direttamente dalle cartelle, dagli spritesheet e dai file testo. Chiunque avesse un minimo di esperienza nel mettere mano in programmi open source non tarderà a vedere i propri risultati su schermo.
FlareFlare
Per quanto invece riguarda il gioco in se, Flare non gode di un grande modulo di partenza, ma il motivo è semplice: quello rilasciato dai programmatori è un semplice esempio delle potenzialità dell’applicazione, ovvero un hack and slash dalla giocabilità elevata, degna dei migliori giochi di ruolo d’azione, capace di affascinare i gamers di vecchia data grazie al suo stile retrò.
Un engine solido con la possibilità di editare l’action rpg dei propri sogni in maniera completamente gratuita e semplice. Sicuramente da tener d’occhio da parte di tutti i giocatori più creativi.
Gameplay di Flare.

Link approfondimento:
Sito ufficiale (in inglese).
DOWNLOAD (da Desura, necessita l’iscrizione).
I migliori Hack and Slash  (dal SEEP Bar).

0 commenti:

Posta un commento